Ai vantaggi delle piattaforme elevatrici si somma la convenienza delle detrazioni fiscali

La presenza di ostacoli come scale o dislivelli non accessibili alle persone con difficoltà a camminare, men che meno dunque alle carrozzine, si può risolvere in vari modi: la tecnologia è una risorsa importante contro le barriere architettoniche, in particolar modo per quanto riguarda gli ascensori per disabili che vengono frequentemente installati in condomini e luoghi pubblici per connettere vari piani tra loro.

frontale con porte di cabina chiuse

L’ascensore in sé è un impianto di straordinaria utilità, ma quando i dislivelli sono ridotti o le strutture edilizie sono inadeguate all’installazione si preferisce ricorrere alle altrettanto valide piattaforme elevatrici, di cui è esperta Arno Manetti Ascensori srl.

Questi impianti, a differenza dei comuni ascensori, presentano un più ampio range di installazione anche nelle condizioni più “difficili”, ad esempio per il superamento di barriere architettoniche di pochi metri oppure quando occorre sfruttare la facciata esterna per la costruzione dell’impianto di trasporto verticale.

Una piattaforma elevatrice Arno Manetti si fa apprezzare per la b mentre, per quanto riguarda i costi complessivi, si ricorda ai clienti interessati che sino al 31 dicembre di quest’anno vigono le detrazioni fiscali del 50% per le nuove installazioni (l’aliquota potrebbe scendere al 36% dal 1° gennaio 2016).

Con Arno Manetti dire “basta” alle barriere architettoniche non solo si rivelerà un intervento effettuabile in tempi competitivi, ma anche conveniente dal punto di vista economico: per maggiori informazioni invitiamo a contattare lo staff di esperti dell’azienda allo 055 315741-2 oppure tramite il modulo online di contatto.

Commenti chiusi