Arno Manetti Ascensori solidale con Genova e i genovesi nel suo calendario 2019

Per le aziende quello di novembre è già un mese proiettato verso l’anno successivo, sia nelle piccole che nelle grandi cose, e anche noi di Arno Manetti Ascensori abbiamo già lavorato ad alcuni tasselli per il 2019.

Come, ad esempio, la realizzazione delle fotografie per il calendario dell’anno prossimo: un calendario a tema, naturalmente, che attraverso scatti realizzati ad hoc racconterà i nostri valori, ciò che facciamo e il nostro impegno, sottolineando anche una questione di primaria importanza come la manutenzione regolare degli ascensori.

Il team Arno Manetti in posa per la foto del calendario 2019

Questo aspetto ci sta particolarmente a cuore, innanzitutto perché sappiamo bene quanto sia importante controllare periodicamente gli impianti elevatori al fine di garantirne un funzionamento efficiente e sicuro, e di prolungarne quella che è la vita utile.

Logo Genova nel cuoreIl medesimo concetto può essere applicato a una moltitudine di situazioni e settori che esulano da quello prettamente ascensoristico, come dimostrato dal crollo del ponte autostradale di Genova che ha scosso le coscienze e i sentimenti di tutti noi e che ha ribadito, in modo quanto mai drammatico, il ruolo cruciale delle attività di controllo e manutenzione nel tempo.

Proprio per esprimere la sincera vicinanza alla popolazione della città ligure, fortemente provata dalla tragicità dell’evento e dalle problematiche che ad esso tuttora seguono, alcuni degli scatti per il calendario 2019 di Arno Manetti Ascensori ritraggono i dipendenti della nostra azienda che indossano una maglietta speciale.

Si tratta di una t-shirt che raffigura il ponte Morandi stilizzato e con un cuore al posto di una campata, accompagnato dalla scritta “Genova nel Cuore”. Un piccolo gesto di solidarietà che ci auguriamo possa essere di buon auspicio e che troverà spazio nel calendario Arno Manetti Ascensori dell’anno prossimo, nella speranza che il 2019 sia davvero un anno di svolta per Genova e per i suoi abitanti.

Commenti chiusi